Confondersi e Fondersi al ConFusion in Benimaclet, Valencia

Passati poco più di tre anni dall’ultima volta, a metà ottobre sono volata di nuovo in Spagna. Dalla Galizia con meta Santiago de Compostela nel 2013 a Valencia con meta el barrio Benimaclet.

El barrio, ossia il quartiere, indica ogni suddivisione interna ad una città che abbia identità propria, data anche solo dal senso comune di appartenenza dei suoi abitanti, senza alcun bisogno di particolari requisiti fisico-geografici.
Benimaclet, dall’impronta decisamente bohemienne, un tempo villaggio autonomo nei pressi di Valencia, è stato inglobato nella cittá nel 1972 a causa dell’espansione di questa. Sto parlando dunque del più giovane quartiere della città.

Si vola da Bologna con bagaglio leggero e strumenti a seguito. Già, questa volta non si tratta di un viaggio come un altro ma della partecipazione ad un Festival  di libere arti per cui, in veste di entusiasta accompagnatrice ed improvvisata fotografa, salgo a bordo con il mio compagno e il suo gruppo. I “No Borders Express” hanno calcato il palco, per la prima volta insieme, a bordo di un aereo… per i viaggi su binari ci penseranno poi.

 

 

img_8932
No Borders Express live https://www.facebook.com/nobordersexpress/

Ma che cos’è questo Festival? Non si tratta solo di un evento artistico-culturale ma di un canale attraverso cui diffondere valori: integrazione, senso di comunità ed appartenenza, inclusione e condivisione, libertà creativa in ogni sua forma d’espressione.

img_8813

Il ConFusion Fest ha la pretesa di essere un canale con libero accesso per chi abbia qualcosa da raccontare e per chiunque abbia la curiosità di ascoltare. Ed è proprio all’interno di questa confusione di arti che nasce la fusione delle stesse. Le strade, così come le case, si trasformano in palchi e teatri che propongono le più svariate discipline artistiche; le postazioni sono molte e spesso gli spettacoli sembrano dialogare fra loro fino a congiungersi in un unico sceneggiato.

banimaclet-confusion-festival-totenart-noticia

 

 

Las autoridades sanitarias advierten que
mirar la pintura crea adicciones agradables al que las mira y bienestar a los que estan a su alrededor

 

Il “Benimaclet conFusión festival” nasce con l’idea di motivare qualsiasi persona a condividere la propria arte, a mostrare il proprio essere confondendosi e fondendosi con gli altri.

E’ molto comune confondere il valore di una persona con il suo successo economico o con la posizione che ricopre nella società. Questo è un errore molto comune con conseguenze antropologicamente apocalittiche perchè porta ad allontanarsi dai sogni, ad essere diffidenti verso gli altri, ad essere competitivi in modo poco sano. Nessuno può conoscere il nostro potenziale meglio di noi stessi, è nostro per diritto di nascita e spesso si tratta solo di continuare a cercare fino a scoprirlo! Cosa ci viene in aiuto? La condivisione di conoscenze e abilità, l’apertura verso l’altro che  non è che un “noi stesso” con doni diversi.

Molto prima che un luogo d’incontro di forme artistico-espressive, Benimaclet è un microcosmo dove confluiscono persone dall’intera Spagna o da Paesi ben più lontani; un frammento di mondo in cui ciascuno arriva in un momento diverso della propria vita apportando un contributo con il suo bagaglio umano, prima ancora che culturale.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...